Vincere nello sport aiuta a vincere nella vita

vincere

Si dice che lo sport sia una metafora di vita. Io penso che possa rappresentare molto di più.

Purtroppo c’è ancora la cultura, sbagliata e controproducente, del “basta partecipare”. Soprattutto se a praticare sport sono i bambini, la cultura è quella che si devono divertire. Ma io non ho mai visto un bambino che si diverte perdendo. Generalmente perdere, e perdere spesso, fa solo associare frustrazione e aiuta a costruire convinzioni depotenzianti, nella maggioranza dei casi poi fa abbandonare lo sport.

La cultura giusta è quella del “vincere“, nel rispetto dell’avversario e delle regole. Bisogna fare tutto il possibile per vincere!

Anche se sembro controcorrente, vi assicuro che nella vita di tutti i giorni gli atleti abituati a vincere riescono meglio degli altri, sono più predisposti a raggiungere risultati importanti, sia nel lavoro che nella sfera personale. Non a caso che nei colloqui di lavoro molti selezionatori vedono di buon occhio chi ha praticato ( o pratica ) sport a buoni livelli ed è competitivo.

Lo sport può essere straordinariamente educativo, se praticato correttamente e con il giusto spirito.

Chi cresce nella cultura del basta partecipare, penserà inconsapevolmente, che anche nella vita basta partecipare. Ovviamente non è proprio così. La vita è dura ed è spesso anche crudele. Se non si ha la forza e la determinazione di conquistarsi ogni centimetro, difficilmente verrà costruita una vita appagante e di successo.

Insomma imparare a vincere nello sport è fondamentale

per imparare a vincere anche nella vita.

Ovviamente bisogna capire correttamente cosa significa vincere nello sport. Eccoti si vince nello sport quando:

  1. Si vince.
    Ovviamente il modo più ovvio per imparare a vincere è vincere. Creare l’abitudine alla vittoria, crea inconsapevolmente la convinzione di essere un vincente. Ovviamente vincere dipende da molti fattori, ma allenarsi e gestire al meglio le gare per vincere, con un sanissimo agonismo, permette di formare al meglio il proprio carattere e struttura la propria autostima ( ingrediente fondamentale per vincere nella vita).
  2. Si superano i propri limiti.
    Si vince ogni volta che si superano, inconfutabilmente, i propri limiti. Ogni volta che si alza l’asticella, o si riduce il tempo nella velocità, o si impara qualcosa di nuovo allora si sta vincendo. Per superare i propri limiti, bisogna essere disposti a sudare ad impegnarsi a mettersi in discussione e a credere moltissimo in se stessi. Bisogna essere disposti a combattere sfide importanti e bisogna essere anche disposti a perdere.
    Ma una volta superato un proprio limite ( e chi conosce questa sensazione sa di cosa parlo ) ci si sente persone migliori, aumenta l’autostima e siamo caricati di nuovo entusiasmo e passione.
  3. Ci si allena con obiettivi ben posti.
    Abituare un atleta a porsi e a raggiungere obiettivi motivanti aiuta a creare una forma mentis vincente anche nella vita di tutti giorni, e non solo nel lavoro. Essere disposti a lavorare duramente per perseguire un risultato è da vincenti. Raggiungere i propri obiettivi è da vincenti.
  4. Si impara a perdere.
    La parte più complicata e dolorosa del processo di crescita di un atleta è la gestione delle sconfitte. A nessuno piace perdere, ma a volte alcune sconfitte aiutano a crescere, a migliorare e a vincere. Spesso dietro una sconfitta si nasconde un’opportunità straordinaria per imparare delle lezioni fondamentali non solo nello sport.
    Purtroppo non c’è cultura di apprendimento nella sconfitta. Gli errori più comuni sono: ci si concentra solo su quello che è andato male, si da la colpa a eventi esterni ( arbitro, il campo gara, eventi atmosferici, ecc…), non la si analizza, ci si abbatte.
    Dopo una sconfitta il comportamento giusto è quello di essere disposti, a bocce ferme, di analizzarla correttamente. Bisogna analizzare cosa è andato bene e cosa va migliorato. Poi bisogna capire che si è perso e ciò non significa essere perdenti. Non imparare nulla è da perdenti.
  5. Si impara a vincere in gruppo
    Imparare a relazionarsi all’interno di un gruppo sportivo è fondamentale per la crescita di ogni persona. Lo sport può essere una palestra straordinaria. Imparare a vincere in gruppo è straordinario. Gli sport di squadra possono dare la possibilità di imparare le seguenti abilità preziose anche nella vita: sapersi inserire in un contesto, relazionarsi, farsi apprezzare, guidare un gruppo, dimostrare forme di leadership, imparare a sacrificarsi per gli altri, ecc…
    Si vince ogni volta che si riesce ad imparare una delle precedenti abilità.
  6. Si esce a fine gara con la sensazione di avere dato tutto e di aver provato a vincere con ogni mezzo lecito.
    Il vincente è l’atleta che è disposto a dare tutto in campo e a provare tutte le strategie lecite per vincere la gara. Non si scoraggia, crede in se stesso e pensa che la gara può essere vinta fino alla fine. Spesso il vincente anche quando perde non si dispera, perchè  sa che dopo aver dato tutto non avrà rimpianti qualsiasi sarà il risultato.
    L’abitudine a cercare ogni tipologia di soluzione per vincere aiuta l’atleta a crescere come persona. La vita di tutti i giorni a volte è davvero difficile, ed avere al mentalità di chi non si da mai per vinto ed è disposto sempre a dare tutto per raggiungere i suoi obiettivi è fondamentale per vivere una vita appagante e di successo.

In conclusione, basta frasi mediocri quali, l’importante è partecipare, lì’importante è divertirsi, l’importante è passare un po’ di tempo insieme. Sono tutte fesserie.

L’importante è vincere!

Tag:

Condividi questo post con il mondo!

2 COMMENTI

  1. l importante è partecipare…..ma vincendo

  2. l importante è combattere x vincere,l importante è la lotta la sana lotta x arrivare al traguardo che ti sei prefisso,che poi perdi nn è grave,ma nn hai mai mollato,hai combattuto….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2016 – Mauro Pepe Mental Coach – www.vinciconlamente.it

Shares