Le 5 chiavi dell’abbondanza e della felicità!

emozioni abbondanzaChi legge abitualmente il mio blog o mi segue sui social network, soprattutto Google+ e Twitter, sa che penso che tutti meritiamo la felicità e tutti abbiamo il dovere di conquistarla.

Inoltre, per vivere una vita appagante abbiamo anche bisogno di godere dell’abbondanza che ci circonda. Abbondanza di affetto, abbondanza di opportunità, abbondanza economica, ecc….

Oggi in questo post voglio parlarti delle 5 chiavi per conquistare l’abbondanza e la felicità:

1) Governare la frustrazione

La frustrazione è un’emozione molto comune, e provano frustrazione soprattuttole persone impegnate a raggiungere un obiettivo o che cercano soluzioni. Non è piacevole provarla, lo so, ma è davvero importante.

Un mio Maestro una volta mi disse: “Mauro quando provi una forte frustrazione, esulta, perchè sei ad un passo dall’illuminazione!” All’inizio non lo capivo, poi, mi sono reso conto che la frustrazione è l’anticamera della soluzione, dell’Illuminazione ( Eureka!).

Come si fa per governarla?

1) PASSO: Bisogna accettarla come un passaggio fondamentale che percorre il nostro inconscio prima della soluzione. Bisogna essere pronti a provarla e disposti anche a provare forti stati di frustrazione per ottenere grandi risultati.

2) PASSO: Porsi domande produttive. Lo stato della frustrazione ci lascia nel problema e nella difficoltà che stiamo vivendo. Porsi domande creative e domande produttive ci pone in uno stato d’animo diverso che permette di operare ad un livello diverso da quello che ha generato il problema.

3) PASSO: Una volta trovata la soluzione, esultare e ringraziare se stessi anche per la frustrazione provata

2) Gestire il rifiuto

Secondo te qual è la parola più dolorosa che esiste? quale parola nessuno vuole sentirsi dire? E semplice, è composta da sole 2 lettere ma porta con se un impatto emotivo decisamente forte. La parola è “NO”

I campioni, e non solo dello sport, sono bravi a gestire i rifiuti e sono disposti a fare, rifare e rifare ancora prima di riuscire. Vanno avanti per la loro strada anche se altre persone non sono d’accordo o se gli rifiutano l’aiuto. Molti Campioni non si fermano neanche dopo aver subito infortuni gravi e ingiustizie sportive ( che fanno parte della vita ), anche quelli possono esse considerati alla stregua di rifiuto dal nostro inconscio.

Nella vendita, i venditori più bravi, sono quelli che vedono il “no” o il rifiuto in generale come una parte importante e fisiologica del proprio lavoro.

3) Superare le difficoltà finanziarie

L’unico modo per non avere difficoltà finanziarie è non avere finanze. Anche chi possiede molto denaro deve affrontare delle “difficoltà” finanziarie. Chi ne ha poco ancor di più!

C’è una massima che dice che il denaro non fa la felicità, ma non averne crea sempre molti problemi. Anche se questo blog non si occupa di intelligenza finanziaria, vi esorto a studiare e frequentare corsi che parlano di questo argomento. Io da parte mia posso solo darvi alcuni consigli. Per diventare indipendente finanziariamente è necessario:

  • Trovare fonti di guadagno ( non necessariamente legato al numero di ore lavorate )
  • Destinare il 10% delle proprie entrate, anche quando sono poche alla beneficenza (donando a chi ne ha più bisogno)
  • Destinare il 10% delle proprie entrate alla formazione personale
  • Destinate il 10% delle vostre entrate al risparmio

Molti diranno che a mala pena riescono a vivere con quello che guadagnano, come fare per destinare il 30% al resto?

Non dico che è facile, ma questa è una straordinaria formula per risettare la vostra mente inconscia a permettervi di diventare indipendenti economicamente

4) Superare l’autocompiacimento

Questo è il punto che mi piace di più! Presenta alcune trappole da evitare ma chi ci riesce acquisce una forza interiore straordinaria.

1° Trappola: Dopo un buon risultato non restare troppo tempo a gongolare. L’obiettivo più bello è il prossimo da raggiungere.

2° Trappola: Valutare il proprio lavoro o se stessi attraverso il confronto con gli altri. La trappola sta che potremmo diventare bravi a crearci degli alibi, davvero disastrosi. La migliore strategia è porsi obiettivi e valutarsi solo in base ai risultati personali raggiunti.

3° Trappola: Le chiacchiere da caffè. La maggioranza delle persone ammazza il proprio tempo interessandosi di gossip (di persone famose o di conoscenti ), o dell'”inciucio”. Questo è un ottimo modo per intossicare il cervello inducendovi a pensare alla vita privata delle altre persone e non a come allargare gli orizzonti della vostra esistenza e delle vostre emozioni.

5) Dare sempre più di quanto ci si aspetta di ricevere

Cosa dire di più? Quando si da tutto in un compito spesso si ottiene molto di più delle “paga” che ci spetta. Un mio mentore diceva:

Ad un impegno insufficiente corrisponde un risultato pessimo.

Ad un impegno sufficiente corrisponde un risultati insufficiente.

Ad un impegno buono corrisponde un risultato sufficiente.

Ad un impegno straordinario corrisponde un risultato straordinario!!!

Io sono d’accordo con chi afferma che “il segreto di una vita gratificante è nel dare”, tutti sono bravi a ricevere, pochi sono così forti e pieni di potere personale da avere la maturità di donare ( il proprio tempo, il lavoro, le proprie competenze, un aiuto, ecc…)

 

Alla fine di queste 5 chiavi, ti posso assicurare che sono fondamentali per la tua felicità. Possono donarti, con un forte impegno e una forte dedizione, tanta abbondanza!

Per donarti questo post ho preso spunto da un libro che ti consiglio vivamente: “Come ottenere il meglio da se e dagli altri” di Anthony Robbins

Tag:

Condividi questo post con il mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2016 – Mauro Pepe Mental Coach – www.vinciconlamente.it

Shares