Iscriviti al mio canale Youtube

I 3 sport più praticati in Italia

Vediamo se riesci ad indovinare. Quali sono i 3 sport più praticati in Italia?

L’ho chiesto ad alcuni amici e mi hanno dato risposte tipo:

  • Il calcio, la pallavolo e il tennis
  • Il calcio, la pallavolo e il ballo
  • Il calcio, la pallavolo e il basket

Secondo te chi ha indovinato? Chi si è avvicinato di più al risultato corretto?

Ti aiuto. Hanno sbagliato tutti e 3. Non sono questi gli sport più praticati in Italia, ma sono…

  1. Lamentarsi
  2. Criticare
  3. Trovare scuse ( Alibi )

Si questi sono i tre sport più praticati in Italia. E poi ci meravigliamo che in pochi ottengono risultati importanti nella propria vita.

Questi “sport” sono spaventosamente improduttivi e sono dei veri e propri killer del successo. Sono comuni molto più di quanto immagini. Scommetto che anche tu che stai leggendo qualche volta almeno li hai praticati.

Alcune persone sono proprio dei campioni. Andiamo ad approfondire…

1) Lamentarsi = ammazzare opportunità

Esistono lamentele in ogni ambito della nostra vita, e ci sono persone che fanno della lamentela una loro abitudine. Alcuni diventano così abituati a lamentarsi che ad orecchi disinteressati a volte diventano quasi ridicoli. C’è chi si lamenta della pioggia ( piove sempre ) quando piove po si lamentano del sole ( fa troppo caldo ) quando c’è il sole, e si lamentano infine del tempo instabile ( perchè non sanno come vestirsi ).

Ci si può lamentare per ogni cosa!!!

Lamentela = sentirsi che ci hanno tolto qualcosa = sentirsi sfortunati = Senso di scarsezza ( povertà )

Ovviamente non solo povertà economica, ma anche povertà emotiva, povertà di divertimento, povertà di risultati, povertà di opportunità, ecc…

Chi si lamenta diventa più povero, perchè perde un’opportunità.

O meglio una lamentela ammazza un’opportunità!

Vi svelo un segreto. Possiamo vivere eliminando completamente la lamentela. La possiamo sostituire con significati decisamente più produttivi e importanti per la nostra vita.

Possiamo trasformare l’abitudine della lamentela
nella ricerca dell’opportunità che è presente in quella situazione!

 

2) Criticare = ammazzare rapporti umani

critica killer successoIl 2° sport più praticato è certamente la critica. L’immagine a fianco spiega più di mille parole quando è deleterio criticare. Quando critichi punti un dito vero la persona e ben 3 verso te stesso.

Criticare significa notare qualcosa di disdicevole, di brutto, di non buono, in un’altra persona. Criticare significa concentrarsi sugli errori o sui comportamenti sbagliati ( non sempre reali ) delle altre persone. Criticare ci fa giudicare in maniera negativa una persona e ci fa etichettare ed indentificare quella persona con un suo comportamento.

Criticare ammazza i rapporti umani

Negli anni 90′ in America si iniziava a parlare di Intelligenza emotiva. Tra le tante cose interessanti di quegli studi è stato dimostrato con numerose ricerche, che le persone più avvezze alla critica erano le persone più SOLE, erano le persone che avevano più difficoltà a creare rapporti umani.

Chi è abituato a giudicare gli altri, spesso in maniera negativa, è molto più sensibile alle critiche altrui. Spesso chi critica molto non raggiunge risultati buoni nelle proprie attività perchè dimostra un livello di autostima basso e spesso è molto volubile. Il suo umore e la sua forza dipendono molto dai comportamenti e i giudizi delle persone che hanno intorno. Chi critica si fa condizionare molto dalle critiche altrui.

Criticare = abbassa i livelli di autostima

Nel linguaggio comune è presente anche ” l’ILLUSIONE DELLA CRITICA COSTRUTTIVA”

Non esistono critiche costruttive, esistono solo critiche. La critica non è mai costruttiva, perchè non si pone l’obiettivo della crescita, ma si pone solo l’obiettivo di identificare errori. La critica, anche quando vuole essere costruttiva, non si focalizza su quello che è andato bene prima di spiegare quale sia l’area di miglioramento ( e non cosa è andato male )

Esiste il Feedback produttivo per questo. Io con i miei atleti utilizzo moltissimo questa tecnica che presenta i seguenti vantaggi:

  1. Nutre l’autostima
  2. Rende sempre chiaro su cosa lavorare per diventare più forti
  3. Permette all’atleta di cogliere un insegnamento da ogni esperienza

 

3) Trovare scuse (alibi) = Costruire la prossima sconfitta

Terzo in classifica ma con numerosissimi adepti è il trovare scuse o alibi.

Vuoi diventare un perdente nello sport e nella vita? Allora la strategia più potente che esiste è quella di trovare una scusa per non prenderti la responsabilità dei tuoi risultati.

La maggioranza delle persone non raggiunge i risultati che ambisce perchè continuamente perde potere personale, perchè continuamente prende la propria capacità di incidere e le da un bel calcio nel c..o.

Come fa? Trova una scusa!!!

Ogni volta che scegli di trovare una scusa per un tuo risultato stai perdendo potere personale. Ti allontani dal raggiungimento dei tuoi obiettivi ogni volta che preferisci trovare un alibi invece che capire che quello che hai ottenuto è solo un risultato e che dipende soprattutto da te, dal tuo impegno, dalle tue capacità e dal tuo atteggiamento e dai tuoi collegamenti!

Io mi rendo conto che prendersi la responsabilità dei propri risultati e delle proprie emozioni a volte è dura. Ma se vuoi raggiungere qualche risultato degno di nota non esistono altre strade percorribili!

E’ fondamentale prendersi la responsabilità anche dei propri stati emozionali. Io sento troppo spesso affermare frasi tipo: “mi hai fatto arrabbiare”, “sono meteopatica”, “mi sono alzato con il piede sbagliato”, “mi è passato un gatto nero”, “mi fai sentire giuticato/a”, ecc…

Le emozioni, TUTTE, vengono create da noi, e siamo noi gli unici responsabili del nostro stato emozionale. E’ più corretto esprimere frasi tipo: “Mi sono arrabbiato per quello che hai detto”, “Mi sono sentito giudicato”, …

Prendersi la responsabilità dei propri risultati e dei propri stati d’animo
è un eccellente primo passo verso il successo personale, sportivo e di vita!

Condividi questo post con il mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2016 – Mauro Pepe Mental Coach – www.vinciconlamente.it

Shares