Le 2 strategie di guarigione più potenti!

Oggi ti parlo della guarigione e delle strategie di guarigione emozionale più potenti che esistono.

Ovviamente non essendo un medico non ti parlo di guarigione biologica ma di guarigione emozionale. 

Anche se le due sono più legate di quanto immagini!

Partiamo dal presupposto che se non viviamo appieno le emozioni, prendendone il messaggio e risolvendolo, tendiamo a fare uno dei seguenti errori:

  • Rifiutare l’emozione
  • Non accettare l’emozione o di vivere quella emozione specifica
  • Agganciarsi troppo tempo ad un’emozione dolorosa

In questi casi si creano dei blocchi emozionali che bloccano la nostra energia creando prima dei fastidi e poi uno stato patologico.

Se preferisci vedere il video:

 

Purtroppo c’è un errore di interpretazione dovuto ad una grande limitazione culturale. Si pensa che c’è una forte divisione tra: corpo, mente (razionale e inconscia), energia, anima (spiritualità).

Invece non è così ma siamo un tutt’uno e ogni parte incide inesorabilmente sulle altre.

E’ molto meglio parlare di Equilibrio Emozionale o Disequilibrio Emozionale!

Il Malessere quindi è dovuto al Disequilibrio Emozionale.

Purtroppo un altro errore grave è quello di separare la guarigione fisica da quella emozionale. Io credo molto nella frase di uno dei medici più importanti al mondo. Patch Adams: “Se curi solo la malattia puoi vincere e e perdere, se invece curi oltre alla malattia anche il malato allora vincerai comunque vada”

2 strategie potenti di Guarigione Emozionale

Ecco le 2 strategie più potenti di Guarigione Emozionale:

1) Accettazione a 3 livelli

L’accettazione è molto importante. Molte persone creano dei blocchi emozionali perché non riescono ad accettare una determinata situazione. Quando accetti finalmente un qualcosa che reputi inaccettabile, finalmente riuscirai a ristabilire il tuo Equilibrio Emozionale.

Vediamo l’accettazione a 3 livelli:

  • si inizia con l’accettazione della situazione
  • l’accettazione di sé in una determinata situazione
  • sentire e percepire amore per se stessi anche in quella determinata situazione

In questo contesto di accettazione è importante sottolineare l’importanza della flessibilità e dell’adattamento.

Una frase che ripeto spesso infatti è “Vince chi si adatta prima e chi si adatta meglio”.

2) Perdono

Non si sta parlando del “perdono” strettamente cattolico, ma di un perdono che definisco “reale”. Dopo un perdono reale non è necessario porgere “l’altra guancia”, ma di comportarsi di conseguenza, ma senza e senza rabbia. Quindi non necessariamente il perdono implica legare nuovamente i rapporti con una persona: perdonare significa accettare che sia successa una determinata situazione e non provare più rancore nè verso la persona nè verso se stessi.

Perdonare significa lasciare andare un’enorme zavorra che rischiamo di portarci dietro. Perciò il perdono ci permette di ritrovare la serenità e l’equilibrio emozionale.

Per perdonare serve la “forza dell’Amore”, una forza straordinaria!

Ricorda che per quanto difficile possa essere, ogni cosa può essere perdonata, sempre!

Utilizza queste strategie di guarigione!

Corsi della Community Vinciconlamente:

Corso Online Vincere L’Ansia: https://vincereansia.it/ev-org-optin/ 

Corso Online “I segreti del Linguaggio del corpo“: https://www.vinciconlamente.it/i-segr…

Condividi questo post con il mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

© Copyright 2019 – Mauro Pepe Mental Coach – www.vinciconlamente.it

Shares