NIKEFOBIA (paura di vincere) cosa è e come vincerla!

Molti conoscono la paura di perdere o la paura del fallimento, ma pochi sanno che esiste una paura più subdola la Nikefobia che è la paura di vincere.

Questa paura può essere provata sia dagli sportivi, sia dai manager che dagli imprenditori o qualsiasi persona si ponga un obiettivo ambizioso da raggiungere o chiunque stia affrontando una sfida. Anche le persone che hanno un appuntamento importante possono provare questa paura. Per vittoria si intende in senso lato, infatti, il raggiungimento del proprio scopo.

Nikefobia: Paura di vincere

La paura di vincere si manifesta appena prima di tagliare il traguardo e si manifesta come una paura, un senso di ansia o un senso di pericolo. Qualcosa potrebbe andar storto o qualcosa dopo la vittoria potrebbe generare una sensazione di perdita o di sofferenza.

Vediamo cosa avviene nel nostro cervello. La parte consapevole e razionale vuole vincere la sfide, mentre per l’inconscio il vincere la sfida porta con se dei “pericoli secondari” o delle “perdite secondarie”. In questi casi avviene un inversione psicologica o anche un’inversione energetica e si tende a creare dei sabotaggi.

Se preferisci guardare il video alla lettura del testo:

Come si vince la Nikefobia?

Attraverso 3 passaggi:

1 – Consapevolezza

La parte più complessa è capire che si sta provando questa paura, e inquadrarla correttamente. Essere consapevoli è decisamente complicato. Capire che emozione viviamo, volta per volta, è un’abilità importantissima per vivere un vita felice ed appagante.

2 – Chiarezza e scoperta

Il secondo passo è quello di fare chiarezza e scoprire quali sono le ragioni alla base di questa paura. Capire cosa c’è di così spaventoso che potrebbe accadere se dovessi vincere o se dovessi raggiungere il tuo scopo.

3 – Soluzioni per la paura di vincere

Esistono varie soluzioni per superare la Nikefobia. La ricontestualizzazione, la PNL, e tante altre soluzioni personalizzate!

Condividi questo post con il mondo!

4 COMMENTI

  1. Ciao Mauro, come sempre sei chiaro e trasmetti sicurezza, volevo chiederti, io in passato ho vissuto dei brutti momenti con ansia, trasformata poi in paura della paura tutti quello che amavo mi faceva paura, uscire stare tra la gente, le feste luoghi affollati o cmq dai quali non potevi andare via. Io oggi sto bene e questo razionalmente lo so ma ancora se devo fare alcune cose come camminare per molto tempo o allontanarmi da sola con la macchina mi creano agitazione . Sinceramente essendo sempre stata in passato in prima linea per tutto e tutti ho pensato (prima che scoprissi il tuo video)che forse questo mio modo di fare sia un sabotaggio verso me stessa perché in fondo forse ho paura che poi gli altri possano di nuovo chiedermi che ne so.. mi accompagni qui , facciamo così etc, ed io anche se era una cosa che mi piaceva perché mi faceva sentire “importante ed utile” dopo “l’ansia” non voglio che facciano affidamento su di me anche se poi ci sto male perché penso che in realtà non è giusto. Secondo te è Nike fobia e se si come posso fare per vincerla del tutto .
    Grazie mille e scusa se sono stata lunga.

    • Ciao Mina,
      grazie e sono contento che ti piacciano i miei video.
      Secondo me non stai provando Nikefobia, ma delle paure. Sicuramente c’è una causa e potrebbe anche essere quella che racconti. Secondo me sarebbe l’ideale stabilire cosa tu vuoi davvero dalla vita e cosa ti appassiona.
      Se resti troppo ancorata a queste paure rischi solo di non vivere la tua vita appieno.

  2. Ciao sono Sarah ho da qualche tempo cominciato a giocare a padel con il mio compagno di vita ma ho sempre lo stesso problema quando cominciò a giocare sono molto tesa perché ho paura di sbagliare di non essere mai all’altezza della competizione,il mio compagno è un istruttore di padel di primo livello e pensa che io sia abbastanza brava ma durante il match di arrabbia facilmente se io sbaglio se siamo sotto con il punteggio insomma dopo un po’ io perdo la pazienza e con grande rammarico gioco in modo pessimo cosa posso fare ??

    • Ciao Sarah non è facile quello che ti scriverò.
      Parti dallo stabilire: perché giocate a Padel? Qual è il vostro obiettivo di coppia? è lo stesso per entrambi?
      Una volta stabilito che entrambi volete divertirvi, o passare del tempo insieme praticando una passione comune o competere e diventare più competitivi. Una volta stabilito il vostro obiettivo comune, si valuta come migliorare la situazione.
      Se vuoi imparare a gestire le tue emozioni in campo e a giocare ad un livello più alto (magari già al tuo massimo) ho un Mental Coach specializzato. Contattaci attraverso i contatti: https://www.vinciconlamente.it/contatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

© Copyright 2019 – Mauro Pepe Mental Coach – www.vinciconlamente.it

Shares